Pumpkin Patch: alla ricerca della zucca perfetta

Ci piace l’autunno. I colori, i profumi, la trasformazione, i primi freddi. Se poi ci metti le zucche e lo stile americano si trasforma in puro divertimento. E per rendere il nostro autunno ancora più speciale abbiamo deciso di provare qualcosa di nuovo e visitare il “Giardino delle zucche –Pumpkin patch” di Pignataro in provincia di Caserta. Il pumpkin patch è una tradizione tutta made in Usa che consiste nell’andare nelle fattorie a scegliere la propria zucca, decorarla e portare a casa per festeggiare Halloween. E l’America grazie dal Giardino diventa più vicina.

Il giardino è curatissimo nei dettagli, magico e la sua magia si percepisce già all’ingresso negli occhi dei bambini che aspettano il turno per entrare. E così anche Emma armata di carrellino rosso d’ordinanza si lancia nel campo nella scelta della sua zucca, visitando il fienile in perfetto stile a stelle e strisce e le varie casette di legno, le balle di fieno decorate e le panchine giganti. Scegliere la zucca è un fattore importante perché dopo verrà intagliata o dipinta nei laboratori messi a disposizione dal giardino. Noi abbiamo scelto entrambi i laboratori e ci siamo divertiti da matti a creare facce spaventose e divertenti.

All’interno di questo enorme spazio c’è anche la casa in stile americano dei proprietari, davvero spettacolare, sembra di essere in un film! Passeggiando abbiamo trovato il Pumpikin cafè con delizie a base di zucca: biscotti, ciambelle, dolcetti e anche il Pumpkin Spice Latte, il latte speziato con la zucca. Da non perdere è il Family farm dove abbiamo potuto sfidare il Labirinto delle pannocchie, giocare a bowling e a centrare i barattoli, ammirare gli animali tra cui l’Alpaca e c’è la possibilità di far fare un giro a un pony (Emma è impazzita). E poi ancora la grandissima area food dove pranzare con specialità alla zucca ma non solo e far giocare i bambini in un’altra area giochi con scivoli nella paglia, trattori e Ape colorati. Non perdetevi un giro al Pumpkin Shop dove potete trovare tantissime varietà di zucche e anche le pannocchie GEM CORN, un mais arcobaleno risultato di un’attenta selezione di mais antichissimi. Per i bambini (ma non solo) questo posto è davvero incredibile, divertente e magico. Abbiamo trascorso una giornata indimenticabile, apprezzando tradizioni nuove e divertenti.  

Info utili 

Prenotare con largo anticipo, i biglietti si trovano on line sul loro sito. È necessario avere il green pass. Il giardino è aperto solo per questo periodo dell’anno. Il costo per il 2021 è stato di 15 euro, gratis per i bambini sotto al metro. È aperto in qualsiasi condizione climatica, certo non con un uragano ma se piove armatevi di galosce e impermeabili. Ogni persona pagante ha diritto a una zucca che si può intagliare o decorare. I bambini sotto al metro non hanno diritto alla zucca ma possono assistere al laboratorio con un adulto. Per i laboratori funziona così: noi eravamo in 3, quindi 3 zucche, 3 laboratori (noi abbiamo scelto 2 pitture e 1 intaglio). I kit per dipingere la zucca o intagliare sono forniti dal giardino. La zucca può durare diversi mesi se non viene tagliata o danneggiata. Nel caso in cui sia stata intagliata, si potrà prolungare la sua durata utilizzando vasellina, acqua e candeggina e tenendola in un luogo fresco. Tutte le zucche sono commestibili, ma queste sono destinate alla decorazione e pertanto hanno polpa e buccia sottili. Altre zucche si possono acquistare nello shop. All’interno del giardino il percorso è obbligatorio: quindi prima scelta della zucca, poi decorazione e le varie aree seguendo il percorso. L’ingresso al family farm con labirinto è di 3 euro solo per gli adulti, i bambini non pagano. All’interno dell’area food si trova pasta, pizza, angolo fritti e angolo dolci e ci sono tavoli grandi con ombrelloni che riparano dal sole oltre ad una area giochi per bambini.  

La zucca perfetta 

Che dire. Questa esperienza è stata per noi davvero divertente e la consigliamo davvero a tutti, grandi e piccini. Emma è stata fierissima del suo carrellino e avrebbe voluto portare via tutte le zucche, le lunghe, le storte, quelle grandi e quelle piccine e scegliere la sua è stata impresa ardua!!! Ma ne è valsa la pena. Lo staff è davvero gentile e sempre sorridente e pronto ad aiutare soprattutto con l’intaglio. È importante portare nel cuore le nostre tradizioni ma quando ne scopriamo di nuove e divertenti ci piace farle nostre. Fateci un pensierino per il prossimo anno e pensate che questo giardino è il più grande d’Europa. Che aspettate a prenotare? Noi ci torneremo sicuramente.  

Emmainvaligia

Blog di viaggi per famiglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *