Rasiglia, il borgo dei ruscelli (VIDEO)

Quando entri a Rasiglia sembra di entrare nel paese delle favole. C’era una volta…fuori la strada, poi le transenne e infine ti immergi nella magia che solo un posto particolare e sospeso nel tempo può dare. Per noi è stata una bellissima scoperta, ma sono gli occhi della nostra piccola Emma a guardare fiumiciattoli e cascate perfettamente inseriti tra le case a rendere l’idea della meraviglia. Rasiglia è una frazione montana del comune di Foligno conosciuta anche come “Borgo dei ruscelli”, per via dei corsi d’acqua che attraversano il piccolo centro della frazione. Il paese conserva l’aspetto tipico di borgo medievale umbro e la sua storia inizia e prolifica con i corsi d’acqua che nel corso dei secoli hanno contribuito alla nascita di numerosi opifici, gualchiere, mulini a grano, lanifici e tintorie che eseguivano la lavorazione di stoffe pregiate. Tali opifici rimasero attivi per tutto l’Ottocento e la prima metà del Novecento; dopo la seconda guerra mondiale, nonostante la petizione degli abitanti, i lanifici si trasferirono in città. Negli anni 80 Rasiglia subì un forte declino, e fu quasi abbandonata dopo il terremoto del 1997 ma oggi grazie alla determinazione di suoi pochissimi abitanti che si sono completamente dedicati a riportarla al suo splendore Rasiglia è il fiore all’occhiello del turismo umbro. Tra i vicoli è possibile visitare l’antico lavatoio, il mulino dove si può ancora ammirare la macina in pietra, un lanificio e la antica peschiera, la fonte Capovena (la più importante perché alimenta i canali della città), la chiesa dei santi Pietro e Paolo. E poi ancora il vecchio telaio meccanico ottocentesco che a suo tempo era già capace di tessere disegni complessi. Infine sono ancora visibili i resti dell’antico castello residenza dei Trinci, signori di Foligno. Il centro è davvero molto piccolo, volendo in mezz’ora si visita tutto ma noi consigliamo davvero di perdersi tra vicoli e il rumore dell’acqua, ammirare le case, i dettagli, e perdersi nel medioevo prima di tornare alla realtà. Sono presenti anche dei piccoli ristoranti e bar, e qualche rivenditore di prodotti tipici. Prima di entrare in paese troverete anche dei piccoli camion di ristorazione che vi propongono il panino con la porchetta locale, così da deliziare anche il palato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *