Bonus vacanza: al via dal 01 luglio 2020

News del 17/06/2020: Il bonus vacanze si richiede tramite la app IO, è necessario avere lo SPID o la Carta d’Identità Elettronica.

News del 01.06.2020: Il bonus vacanze vale 150 euro per i single, 300 per due persone e 500 per i nuclei da tre componenti in su. Di queste somme, l’80% sarà usato come sconto nelle strutture prescelte (e aderenti); il rimanente 20% sarà scaricabile dall’Irpef nella dichiarazione dei redditi 2021. A registrare i dati del beneficiario e a generare un Qr Code spendibile nelle strutture sarà una app che il ministero dei Beni culturali e del Turismo lancerà a metà giugno «ma comunque – spiegano dal dicastero – con anticipo rispetto al 1° luglio, per dare il tempo alle famiglie di predisporre l’Isee e di acquisire un’identità digitale Spid». Il tax credit può essere usato una sola volta e non si può frazionare. Le strutture ricettive avranno il rimborso dello sconto effettuato ai turisti sotto forma di credito di imposta, da usare in compensazione da subito. Oppure il credito potrà essere ceduto a terzi o alle banche.

Bonus vacanze, quali sono le novità del momento? La misura prevede un sostegno economico fino a 500 euro per le spese sostenute per soggiorni in ambito nazionale in alberghi, campeggi, villaggi e bed and breakfast. Si tratta di un credito relativo al periodo d’imposta 2020, per i pagamenti legati alla fruizione dei servizi offerti nel nostro Paese dalle imprese del settore turistico.

Bonus vacanze: come funziona?

Il bonus potrà essere speso a partire dal primo luglio fino al 31 dicembre del 2020. L’80% dell’importo ricevuto sarà uno sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura mentre, il restante 20%, dovrà essere utilizza come detrazione dall’imposta sul reddito.

Bonus vacanze: a chi spetta?

Possono chiedere il bonus vacanze le famiglie con un reddito ISEE fino a 40 mila euro. L’importo è modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie di 1 persona.

Esclusi i portali telematici

Per ottenere il bonus sarà necessario effettuare la prenotazione e il pagamento direttamente presso la struttura turistico-ricettiva scelta, o mediante un’agenzia di viaggio o tour operator: ciò vuol dire che non è possibile servirsi di piattaforme come Booking, Airbnb e altri portali telematici diversi dai tour operator e dalle agenzie di viaggio.

Il ministro Dario Franceschini ha rilasciato alcune dichiarazioni sul turismo nel Dl Rilancio e cioè il bonus vacanze che vale 2,4 miliardi: “La misura – spiega in una video conferenza – prevede un contributo fino a 500 euro per le spese sostenute per soggiorni in ambito nazionale in alberghi, campeggi, villaggi, bed and breakfast. Possono chiedere il contributo le famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro. L’importo è modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie di 1 persona. Il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020. L’80% sarà uno sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura, il restante 20% come detrazione dall’imposta sul reddito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *