Alberobello, il paese dei trulli

Alberobello, o meglio per Emma le case dei puffi. Ecco cosa hanno visto gli occhi di una bimba di 2 anni e mezzo nel meraviglioso paese pugliese. Un villaggio e la scoperta degli omini blu che non abbiamo beccato. Alberobello è una cartolina, un posto incantato dove si torna indietro nel tempo. Ci eravamo già stati da fidanzati, ma tornarci con la piccola è stato bellissimo. Sicuramente non è un posto dove  non si va comodissimi col passeggino, ci sono scale e salite, se i bimbi sono piccoli consiglio il marsupio, ma comunque è un’esperienza da non perdere. Il paese si visita tranquillamente in un giorno solo, e a piedi, infatti appena arrivati abbiamo lasciato l’auto in uno dei tanti parcheggi disponibili e raggiunto la zona vecchia a piedi, dove si può visitare il trullo sovrano, il trullo siamese e la chiesa. Tantissimi i trulli sono adibiti a negozietti di souvenir, alcuni cari, alcuni più convenienti, tanti sono bar e ristoranti e c’è anche la possibilità di pernottare e vivere l’esperienza di una notte nel trullo. Non perdete inoltre la possibilità di scattare una foto ricordo su una delle terrazze che offrono una vista meravigliosa. E se andate coi bambini occhio ai puffi, Emma è ancora convinta che puffetta non abbia aperto la porta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *